Doppia detrazione per l’acquisto di condizionatori nel 2014

Coloro che sono intenzionati ad acquistare ed installare un condizionatore a pompa di calore possono usufruire, alternativamente, di una doppia detrazione.

Possono beneficiare:

– della detrazione del 50% per la ristrutturazione (articolo 16-bis del Tuir, D.P.R. 917/1986, e articolo 16 del D.L. 63/2013, convertito in legge 90/2013);

– della detrazione del 65% per il risparmio energetico (articolo 14 del D.L. 63/2013, convertito in Legge 90 del 2013).

Per ciò che concerne la detrazione del 50%, l’installazione di un nuovo condizionatore o la sostituzione di quello vecchio con un altro a pompa di calore inverter (non solo per il raffreddamento) gode della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. Il nuovo impianto deve essere a pompa di calore. Qualora il condizionatore è senza pompa di calore, la detrazione non si applica.

La detrazione del 50% si applica su un importo massimo di 96mila euro sino al 31 dicembre 2014. Il bonus trova applicazione anche per l’acquisto del condizionatore ad integrazione dell’impianto di riscaldamento

Naturalmente, occorre che gli acquisti vengano fatti tramite bonifico bancario o postale, altrimenti non si può beneficiare della detrazione.

Per ciò che concerne invece la detrazione del 65%, essa si applica su un importo massimo di 30 mila euro diviso in 10 anni, sempre però che vi siano determinate condizioni. Infatti è’ necessario che il condizionatore sostituisca integralmente o parzialmente l’impianto di riscaldamento preesistente e che il condizionatore non sia previsto ad integrazione dell’impianto di riscaldamento stesso.

La detrazione non si applica solo agli immobili residenziali di proprietà delle persone fisiche ma anche ai lavori eseguiti su edifici non residenziali come negozi e capannoni, anche se posseduti da società e imprese.

Anche per il bonus 65% occorre che le fatture siano pagate tramite bonifico bancario o postale; altro adempimento consiste poi nell’invio all’Enea della scheda informativa entro 90 giorni dall’installazione; infine, è necessario che l’immobile sia provvisto di impianto di riscaldamento preesistente.

E’ bene sapere che chi usufruire per l’acquisto del condizionatore della detrazione del 50% per le ristrutturazioni, può anche fruire del bonus mobili; viceversa se l’acquisto o l’opera rientra nella detrazione del 65% per il risparmio energetico, non si potrà anche godere del bonus mobili.

Related posts

Leave your comment Required fields are marked *