EnergySave

Energia per la tua casa, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con i sistemi di accumulo Energy Save

EnergySaveL’installazione di un sistema di accumulo dell’energia solare a uso residenziale in combinazione con il tuo impianto fotovoltaico è una scelta intelligente, ecosostenibile e vantaggiosa perché permette di essere autosufficienti dal punto di vista energetico.

In termini di efficienza energetica ed economica i sistemi di accumulo di energia solare hanno numerosi benefici per gli utenti.

Permettono, ad esempio:

  • alimentare le utenze in caso di improvvisi blackout della rete pubblica;
  • immagazzinare l’energia nelle ore di picco dei consumi giornalieri;
  • massimizzare l’autoconsumo da FV e quindi bollette meno care;

Di norma la percentuale di autoconsumo da un impianto FV è intorno al 30%, ma con l’integrazione di un sistema di batterie può arrivare anche fino all’80%.

Come funziona un sistema di storage fotovoltaico

Per aumentare il consumo di elettricità autoprodotta una soluzione interessante è quella di dotarsi di un sistema di ener­gy storage. Si tratta di un sistema di batterie agli ioni di litio o al piombo (accumulo elettrochimico) che cattura l’energia prodotta in esubero ma non consumata da fonti di energia rinnovabili, come l’impianto fotovoltaico, per poi renderla la sera, quando l’impianto non produce più e non è possibile generarla.

Lo scopo dell’accumulatore è di rendere l’utente finale energeticamente autosufficiente e completamente indipendente dalla rete. Ciò non sarebbe possibile con il solo utilizzo del fotovoltaico, che si caratterizza per la discontinuità di produzione.

Rispetto agli impianti fotovoltaici, che producono la maggiore quantità di energia durante il giorno, quando generalmente i consumi elettrici domestici sono al minimo, i sistemi di energy storage riescono a gestire in modo automatico e ‘intelligente’ tutti i flussi di energia, indirizzandoli al meglio. Se l’energia solare prodotta è superiore ai fabbisogni dell’utente in quel momento, questa verrà impiegata per caricare le batterie, mettendo in rete solo ed esclusivamente l’energia in eccesso.

L’energy storage, riducendo i flussi dell’energia immessa in rete, permette dunque di soddisfare le dinamiche del ciclo energetico giornaliero grazie all’immagazzinamento di energia da fonte fotovoltaica.

Grazie allo storage l’energia solare, quindi, diventa utilizzabile in ogni momento della giornata, 24 ore su 24.

Nello specifico, dopo che i pannelli fotovoltaici convertiranno l’energia solare in energia elettrica, l’inverter la trasformerà in corrente alternata, rendendo possibile l’uso in loco, il caricamento della batteria o il trasferimento alla rete.

L’energia solare dell’inverter sarà alimentata direttamente nel tuo sistema di accumulo di energia solare fino a quando il sistema non sarà completamente pieno. Questi sistemi di energia solare possono essere programmati per rilasciare energia in casa in determinati orari o intervalli, se necessario.

 Costi chiavi in mano accumulo

I costi per un fotovoltaico con batteria dipendono da diverse variabili quali le tecnologie usate, costi di installazione necessità di montare un nuo­vo inverter e spese burocratiche.

I costi per le batterie al piombo si aggirano tra 400-700 € per kWh di capacità chiavi in mano.

L’investimento però cambia a seconda dei con­sumi dell’utente: chi consuma di più installerà una batteria con più capacità. Inoltre i costi possono cambiare se è già esistente un impianto fotovoltaico dove andrà inserito un accumulo (retrofit) oppure se impianto e accumulo sono installati ex novo e congiuntamente.

Nel primo caso la spesa sarà più elevata del 25-30%, visto che si richie­de in genere un investimento per la sostituzione dell’inverter dell’im­pianto FV per renderlo compatibile con le esigenze impiantistiche con l’accumulo (gli inverter di nuova generazione sono provvisti di una ap­posita porta per l’ingresso del sistema di accumulo).

Per gli utenti che consumano maggiore energia (consumi da 4.000 kWh/anno in su), sono ideali i sistemi di accumulo da circa 5,5 kWh di capacità utile. Questo si traduce per il litio, in poco più di 6 kWh nominali, mentre per il piombo, in circa 11 kWh nominali.

Per gli utenti con consumo più basso, solo nel caso del litio, è opportuno considerare una capacità inferiore, pari a circa 3,5 kWh di capacità utile. In questo caso il prezzo chiavi in mano, è mediamente di 6 mila euro.

Un utente che consuma più di 4.000 kWh/ anno, e dunque ha bisogno di una batteria da 5,5 kWh utili, se sceglie il litio dovrà investire per lo storage, considerando tutte le spese, media­mente 6-8.000 €, mentre se opta per il piombo spenderà tra i 4.000 e i 5.000 euro.

RICHIEDI LA PROPOSTA COTEC ONE

I SERVIZI A TE DEDICATI GRATUITAMENTE

Analisi fabbisogni e consumi

Progettazione su misura

Monitoraggio e assistenza

INOLTRE…

PER TE 10 ANNI DI GARANZIA

Chiedo di essere contattato per ricevere informazioni da COTEC ONE S.R.L. in merito alla mia richiesta nei limiti di cui alla presente informativa