Soluzioni innovative per la sicurezza in casa

Sono tante le persone che decidono di partire, in vacanza o per lavoro, per un periodo di tempo più o meno limitato e lasciano incustodita la propria abitazione. Per far sì che l’ansia non prenda il sopravvento, è opportuno fare la spesa giusta e dotarsi dei migliori impianti di sicurezza secondo gli ultimi standard e le novità tecnologiche in circolazione.

Nel momento in cui si decide di dotarsi di un allarme di sicurezza che protegga la casa e i suoi abitanti, è opportuno prendere delle decisioni sul tipo di impianto e l’apparecchio stesso da installare. Attualmente ci sono in commercio sistemi con fili, senza fili, misti, integrati e di protezione perimetrale e volumetrica. Vediamo quali sono le differenze.allarme-lecce-e-provincia

Allarme con o senza fili:
i classici sistemi che vanno collegati con l’impiego dei fili elettrici risultano ancora oggi piuttosto sicuri, poiché i componenti si collegano ad altri cavi elettrici e dunque, tagliando un filo, si causa l’accensione immediata dell’allarme.
Lo svantaggio sta nella spesa più ingente legata alla necessità di creare delle canaline per i fili all’interno dei muri. Per questo la miglior soluzione attuale, offerta dal progresso tecnologico, è quella di un allarme gestito da onde radio, munito di batteria a lunga durata. Il vantaggi sono quelli di una sicurezza costante anche quando viene a mancare la corrente, il risparmio sui costi di installazione, la comodità di re-installazione nel caso di un trasloco. Lo svantaggio può essere quello di un disturbo legato a interferenze con altri segnali nell’etere, anche se il progresso tecnologico sta puntando sempre più alla perfezione. Vi è poi la possibilità di optare per un impianto di tipo misto tra queste due tecnologie: i fili servono, in questo caso, solamente per alimentare la centrale e le sirene.
Tuttavia la soluzione migliore è quella di optare per un impianto integrato; questa soluzione offre protezione a 360 gradi con porta blindata e serratura elettronica collegate all’antifurto, in grado di garantire protezione per qualsiasi tipo di effrazione.

Tipo di protezione
Come accennato la sicurezza è importante sia quando si sta in casa, sia quando si è in vacanza. Risulta opportuno monitorare sia l’esterno che l’interno dell’abitazione, per questo è utile un sistema d’allarme di tipo perimetrale, installato lungo il perimetro della casa in modo da creare una barriera protettiva.
Per quanto riguarda l’interno si può invece installare un impianto da attivare quando non si è in casa, quello volumetrico, che rileva con i suoi sensori la presenza di una persona al variare della temperatura e del movimento. Lo scattare dell’allarme è associato all’inoltro di un segnale alla polizia. Quest’ultimo sistema non è attivabile, per ovvie ragioni, quando si è in casa, ma può essere integrato al sistema di protezione perimetrale, che come detto costituisce una barriera protettiva dall’esterno e può restare sempre attivo. Dunque integrando questi due sistemi si può avere doppia protezione durante i periodi di vacanza, quando la casa viene lasciata incustodita alla mercé dei male intenzionati, soprattutto quando questa si trova al piano terra.
Ecco perché, quando ci si munisce di un sistema di sicurezza bisogna vagliare bene quale impianto risulta più adatto alle esigente personali e dell’appartamento.

Related posts

Leave your comment Required fields are marked *